PERSONAGGI

Il grembiule senza tempo

Il nostro armadietto non è tanto grande, ma all’occorrenza sappiamo stringerci per far posto ai nostri amici.
Il grembiule non dovrebbe stare con noi, il suo posto è in laboratorio, ma capita che a volte il mio chef decida di farlo stare nell’armadietto e allora le risate sono assicurate.

grembiule-senza-tempo-gustorie-freesco-gusto

Il grembiule è forse uno dei più burloni all’interno dell’officina, d’altronde è un indumento che si indossa già in età infantile quando si va a scuola, anche se di un colore diverso. Quello che ha scelto il mio chef è chiaro come me, bello rigido e spesso, quasi come una corazza. No, non deve proteggerlo dai fendenti o dalle spade, ci mancherebbe: deve semplicemente proteggerlo dagli sbuffi di farina e dagli schizzi d’acqua che potrebbero capitare sulla giacca… Poi chi la sente a quella sennò?
PERSONAGGI

L’abito non fa il monaco…ma una giacca sì!

Se c’è qualcuno che non può proprio sposare l’antico adagio dell’abito che non fa il monaco, quello sono proprio io, per ovvi motivi! E insieme a me, i miei fedeli compagni, soprattutto uno, che veste lo chef della sua uniforme, bianca e luminosa.

la-giacca-fa-il-monaco-storytelling-gustorie-freesco-gusto

Lo immaginate un generale senza la sua divisa? Certo che no! Ci mancherebbe, verrebbe confuso con un soldato della truppa, così come lui, senza la sua uniforme, verrebbe scambiato per un civile.

PERSONAGGI

Abbiamo il senso della misura ma…non rompete le spatole! 

Tra i personaggi con cui mi capita di avere a che fare più spesso tra le quattro mura di questo laboratorio ci sono gli strumenti del mestiere del mio chef. Quando parlo di strumenti del mestiere mi riferisco a quelle che io considero come le estensioni delle sue mani, gli attrezzi che gli permettono di concludere il suo lavoro dopo che le sue mani hanno lavorato, lavorato e ancora lavorato gli impasti…

gustorie-non-rompete-le-spatole-freesco-gusto

Per esempio, se vi dico sessole, a cosa pensate? No, non fate i maliziosi, non fraintendiamoci non lasciatevi ingannare dal nome!
Se qualcuno di voi ha la passione per le barche e la pesca, ha un po’ di familiarità ma quelle che utilizza il mio chef in questo laboratorio sono ben altra cosa.
PERSONAGGI

Impast’attrice

Ognuno è attore della propria vita ma alcuni di noi a volte esagerano e quando glielo si fa notare, se le fanno girare…

gustorie-impast-attrice-freesco-gusto

Nel mondo là fuori funziona esattamente tutto come qui dentro, non pensate che sia diverso. Anche noi, qui, abbiamo personaggi che vogliono essere le prime donne incontrastate… che volete farci? Per fortuna, io da quassù posso non entrare troppo in certe dinamiche ma, è proprio il caso di dirlo, mi posso godere lo spettacolo.

PERSONAGGI

Lievitabile

Dall’alto è bellissimo vedere i giorni passare sulla spianatoia, che diventa una sorta di un calendario invisibile. Nel nostro laboratorio il tempo non è scandito dagli orologi ma è il ritmo delle stagioni a segnarlo, è il ciclo vitale delle nostre creature ad indicarci che è tempo di… crescere!

Lievitabile - Short Story 7/1 Freesco Gusto

Già, crescere: che bella parola. Non è semplice maturare, tanto meno lo è far crescere altre creature. È una magia che si compie volta per volta sotto i nostri occhi e il merito è di quell’amico di cui l’altra sera, prima che lo chef mi riponesse nell’armadietto, ho incrociato lo sguardo.

PERSONAGGI

…farina del mio sacco!

A vederlo da qui un nuovo anno, ogni volta, fa venire le vertigini. Pensare a cosa sarà, a quante cose faremo col mio chef, soprattutto a quante cose nuove saremo chiamati a rispondere ci riempie di paura ma anche di orgoglio perché siamo fatti così, pronti a tutto, soprattutto a migliorarci… Che ci possiamo fare, è la nostra natura.

gustorie-farina-del-mio-sacco-freesco-gusto

Pensate che in questi giorni di Carnevale stava anche pensando di provare a preparare dei dolcetti a tema, ispirato dalle voci che sentiamo provenire dall’esterno dai bambini che festeggiano per le strade… Ma abbiamo molto lavoro e dobbiamo concentrarci su altro.

PERSONAGGI

E che tavolo!

All’inizio era tutto tabula rasa… No, non è una battuta ma la pura verità.

Il mio chef ha faticato non poco per rendere questo un luogo accogliente e adatto al suo lavoro.
Quando siamo entrati qui per la prima volta, il laboratorio era davvero spoglio e mal ridotto ma lentamente questo spazio ha iniziato a riempirsi. Tutto ha iniziato a prendere forma e a diventare il posto speciale in cui ho deciso di accompagnarvi.
In questi giorni anche l’inverno ha un sapore speciale: sarà forse merito del freddo se tutte le cose sembrano più vicine, come se il clima rigido le avvicinasse e rendesse tutto più intimo, ma sono certo che il merito sia anche del mio chef.

PERSONAGGI

Tanto di cappello!

La prima volta che sono entrato in questo posto, ben stretto tra le mani dello chef, a guardarsi intorno c’era da avere un po’ paura. Era tutto un disastro intorno a noi, le pareti erano cadenti e il pavimento bhe, lasciamo perdere…

Certo, ci voleva un gran coraggio per immaginare un futuro per questo locale e il mio chef ce l’ha, eccome se ce l’ha! Io all’epoca non avevo ancora i suoi occhi, però sentivo le sue mani forti e decise che mi stringevano con passione, trasmettendomi tutta la sua sicurezza.